Il colore Lime simboleggia la tua capacità di vedere, di comprendere, di affrontare ed infine di superare i problemi trasformandoli. Sono vari stadi, varie tappe, l’una propedeutica per la successiva, ed ora andremo a capire meglio di cosa stiamo parlando.

Quando hai un problema, di qualunque genere sia, esso è un maestro che è giunto nella tua vita per portarti un insegnamento. Detto così può sembrare strano, un po’ assurdo e persino “masochistico”. Però, dice Gurdjieff, che devi ringraziare la tua malattia, o l’accidente, o l’incidente di percorso: “Quando ti ammali, invece di odiare quel male, consideralo tuo maestro”. Perché la vita ti invia e ti “dona” i problemi, di vario genere, proprio per farti vedere qualcosa che non riesci a vedere e quindi a superare.

Ma andiamo per ordine. Hai un problema, con delle persone o con una situazione, e stai male per tale motivo. Per prima cosa allora è fondamentale osservare bene ciò che ti sta “ostacolando” nel tuo percorso. Osserva senza giudicare e, al momento, senza voler cambiare nulla. Osserva e basta! In tal maniera stai “illuminando” quel problema con la luce dell’osservazione consapevole: senza dimenarti, o fuggire, o reagire (verrà poi il momento per agire da vero guerriero), ma stai guardando e ti stai accorgendo di ciò che c’è.

Sembrerebbe naturale questa prima azione, ma non lo è affatto. Pochissime persone scelgono di osservare come fossero i testimoni della propria vita e non i protagonisti: ci vuole una grande capacità di astrazione e di estraneazione. Ci vuole fermezza nel vedere e basta! Ma quest’operazione iniziale è indispensabile, perché l’atto stesso di osservare ci darà successivamente le chiavi per agire. A livello sottile si creano, in tal modo, delle connessioni e dei “passaggi invisibili agli occhi” che ti conducono verso la successiva soluzione del problema.

Dopo tale azione c’è la comprensione della natura vera (quella energetica ed eterica) del problema. Perché ogni problema nasce nella dimensione più sottile e poi scende nella materia. È un percorso che la nostra anima sceglie per farci vedere ciò che non vogliamo e non riusciamo a vedere. Quindi, in questa fase di comprensione profonda, potrai davvero scoprire e vedere cosa ha provocato quel disagio, quella situazione, quel problema. In quanto, dopo aver osservato senza giudicare né agire, adesso il “composto” (termine alchemico) è cotto a puntino e si cominciano a vedere cose che prima non potevi assolutamente scorgere. Se avessi reagito nel torpore del tuo sonno perenne, non avresti mai raggiunto questa seconda fase di comprensione (non mentale) della situazione in cui ti trovi e della sua valenza energetica.

Una volta che hai compreso ciò che il problema ti sta portando, ciò che la situazione ti sta dicendo, potrai finalmente agire da vero/a guerriero/a. Il tuo Marte interiore saprà adesso dove affondare la spada e dove tagliare i nodi, in quanto tutto è stato illuminato e ben cotto nel fuoco della consapevolezza.

Infine vi è l’ultima fase, quella più potente ed anche divina, ovvero la trasformazione ed il conseguente superamento del problema. Tutto nell’Universo si trasforma, tutto è nel flusso. Ed allora anche il tuo problema è soggetto a queste leggi: ciò è inesorabile. Anche il tuo problema attende di essere trasformato e sublimato nel flusso del perenne divenire. Ma naturalmente questa trasformazione, adesso, sarà un atto consapevole e volitivo del tuo puro intento. Non sei più inquinato/a, infatti, dalle mille valutazioni sul tuo problema, dall’angoscia che esso ti provoca, dall’imitazione e dalle parole degli altri… sei un foglio bianco su cui ricominciare a scrivere lo spartito della Vita. E sappi che, la tua anima in sintonia col divino e con l’Universo, non attendeva altro che tu compissi questi passaggi. Era fiduciosa in te e sapeva che avresti compreso l’insegnamento profondo derivante da quella situazione.

Ora non ci sarà più bisogno che tu sperimenti ancora quel dato problema! Esso ha compiuto il suo ciclo, ti ha condotto dove dovevi essere condotto/a… ma naturalmente sempre nel massimo rispetto della tua libertà e del tuo libero arbitrio. Ecco perché il divino non ti forzerà mai ad intraprendere questa meravigliosa strada di consapevolezza.

La lima o limetta (nome scientifico Citrus aurantiifolia), commercialmente conosciuta anche come lime, è un agrume della famiglia delle Rutaceae. La limetta è un albero di 4-5 metri di altezza. I frutti sono piccoli, ovali o rotondi, dalla buccia sottile; per raggiungere un chilogrammo di peso ne servono una trentina. Se vengono lasciati a maturare sull’albero, assumono un colore giallo fino a leggermente arancio, ma solitamente vengono colti ancora verdi, quando offrono il massimo del gusto e sono più succosi. La polpa è profumatissima e molto agra, in quanto contiene fino al 6% di acido citrico. Può fruttificare tre volte all’anno. Il colore Lime è un colore a metà strada fra il giallo ed il chartreuse, chiamato così proprio per la sua somiglianza con il colore del frutto omonimo. Normalmente è considerato una tonalità di verde in quanto la sua composizione è formata appunto dal 75% di tale colore. (fonte Wikipedia)

Nel colore del tuo Lime interiore impara a vedere gli ostacoli ed i problemi come delle occasioni di crescita, di vera crescita animica. Ogni ostacolo che si presenta dinanzi a te reca con sé la promessa di farti avvicinare sempre di più allo scopo della tua incarnazione sulla terra, al tuo percorso animico. Quindi sii grato/a a quel momento di apparente difficoltà, e trai da esso il massimo beneficio attraverso l’attivazione delle tue doti di consapevolezza.