Il Colore Beige simboleggia la naturalezza, la vera essenza senza esagerazioni. Il che significa lavorare su tutte le proprie “sovrastrutture” che impediscono il fluire genuino della vita.

Spessissimo, infatti, noi tendiamo a complicare le cose.

Ciò deriva da molti fattori: condizionamenti d’ogni genere, traumi infantili e non, insegnamenti complessi ed inefficaci appresi nel corso delle vita, accordi presi da noi consapevolmente o inconsapevolmente, regole sociali troppo stringenti.
E ciò che dovrebbe essere semplice e naturale diventa terribilmente complesso.

Questa cosa, nel vivere sociale, possiamo riscontrarla nella troppa burocrazia cui spesso siamo sottoposti: carte, bolli, vidimazioni, regole, notai, registri, commissioni, uffici di tutti i tipi.
Al livello di bassa vibrazione in cui versa la nostra società, tutto questo è quasi comprensibile; ma se ti elevi soltanto di un pochino senti come se un nodo ti stringesse la gola.

Ogni regola creata per paura di essere “imbrogliati, truffati, raggirati” è un boomerang che alla fine si ritorce contro di noi.
Perché se la burocrazia con le sue “scartoffie” ti tutela in un verso, dall’altro lato ti fa perdere la tua naturalezza.
Fino ad arrivare a credere che il mondo debba necessariamente funzionare in tal modo.

Leggi naturali

Invece le leggi cosmiche ad un livello “alto di creazione” sono assai semplici, e più si sale di frequenza e di vibrazione, più esse sono poche ed essenziali. Infatti, questa tendenza a complicare tutto, è una prerogativa del mondo duale, e soprattutto dei mondi molto densi come lo è la Terra.

Qui è tutto complesso, articolato, di difficile fruizione, rigidamente ingabbiato, soggetto a tantissime leggi: ci sono 48 leggi cosmiche qui sulla terra, secondo Gurdjieff.
Mentre nelle Sfere più alte le leggi cosmiche si riducono man mano che si sale.

Infatti Dio (o comunque voi volgiate chiamarlo) è UNO, e dunque è l’energia più alta e semplificata che esista, e la sua legge è una soltanto: l’Amore Incondizionato.

È un discorso che potrebbe sembrare complicato, per le ragioni di abbiamo detto – ovvero la nostra mente complessa ed i nostri condizionamenti – ma in realtà è semplicissimo.

Dio e la spiritualità sono la cosa più semplice che esista.

Per approcciare ad essi devi fare il vuoto dentro di te, e non il pieno; devi ridurre la complessità dentro di te, e non aumentarla; devi andare verso la naturalezza, e non nella direzione dell’artefazione.

Quindi via gli abiti mentali pesanti, via le sovrastrutture, via i mille condizionamenti che ti porti dietro e dentro, via l’idea che tutto debba essere complicato nella vita.

Quando comincerai a fare questo lavoro di sottrazione anziché addizione, prenderai pian piano a vedere e scorgere cose che prima non vedevi.
E la tua vera essenza potrà fluire con naturalezza nella tua vita, ed ogni tuo gesto sarà coerente con la tua anima.
Perché l’anima è una scintilla del divino, e in quanto tale aborrisce la complessità e si esprime nella leggerezza.

Il colore Beige

Il beige è un colore cosiddetto multifunzionale.
Di base si tratta di un giallo crema un po’ sporcato, tuttavia con questo nome di colore, si vuole sovente indicare altre tonalità di marrone (o talvolta di grigio).

Il termine è chiaramente di origine francese: questa parola indicava un tipo di tessuto fatto con lana non tinta, mantenuta del suo colore naturale.

Nel colore Beige della tua naturalezza interiore trova la forza di destrutturarti e di rompere la gabbia della tua estrema complessità.
Tutte quelle sovra strutte e quei “fronzoli” che ti sei creato/a ti stanno togliendo il respiro, e stanno soffocando in te la capacità di vivere nell’armonia della tua innata naturalezza.

Samya Ilaria Di Donato
– La scrittrice dei colori –


Scopri ora il mio libro “L’anima e la magia dei colori